Inchiesta Terzo valico, intercettazione choc: “C’è l’amianto? Tanto la malattia arriva fra trent’anni”

In passato, decine di processi hanno mostrato come lo stato italiano non ha tutelato la salute dei cittadini e ha messo in pericolo i suoi lavoratori da un killer silenzioso che si chiama AMIANTO, che ad un certo punto si risveglia ed inizia ad abbracciare mortalmente la sua vittima. L’amianto in Italia ha trasformato stabilimenti produttivi e cantieri in cimiteri (Casale Monferrato, Cavagnolo, Rubiera e Bagnoli sono alcuni esempi). Questo pericolo ora si sta palesando nell’inchiesta sul Terzo valico (che rappresenta il cuore dell’inchiesta sulle tangenti per le grandi opere), dove in una intercettazione sarebbe saltata fuori una frase orrenda quanto inquietante pronunciata da un superdirigente: “tanto la malattia arriva fra trent’anni…“. 
Se la realizzazione di un’opera comporta o può comportare gravi rischi per la salute dei lavoratori e di chi sta intorno a loro, quest’opera deve essere fermata. 
Con l’amianto non si scherza e lo Stato non sia complice!

Vi invito per l’occasione a leggere questo interessante articolo pubblicato oggi da LA STAMPAhttp://bit.ly/2j4gCoR


Print Friendly, PDF & Email