La sicurezza stradale é l’urgenza principale a cui rispondere per la mobilitá

Oltre 26.000 morti all‘anno in tutta Europa ed un costo sociale di circa 100 miliardi di euro: la sicurezza stradale é l’urgenza principale alla quale siamo chiamati a rispondere in termini di mobilitá.

A nostro avviso, occorre decongestionare i centri urbani implementando l’utilizzo del mezzo pubblico a discapito di quello privato, responsabile, tra l’altro, di circa 80% delle emissioni di CO2 prodotte dall‘intero comparto dei trasporti.

Vanno inoltre fatte rispettare da tutti regole certe e uguali per tutti per quanto riguarda i tempi di riposo e la qualitá dei guidatori dei mezzi pesanti, con controlli sulle patenti e sui tassi alcolemici. Abbiamo le tecnologie per rendere molto tempestivi ed efficaci i controlli su strada. Aiutiamo le piccole aziende, anche magari incentivandole economicamente, ad adottare i dispositivi tecnologici necessari a tali controlli.

Sosteniamo la risoluzione, soprattutto per la parte riferita alle politiche di riduzione delle emissioni.

Per il nuovo comparto elettrico, auspichiamo investimenti sia sulla diffusione della rete, sia sulla ricerca per la sostenibilitá delle batterie utilizzate, per avere prodotti meno impattanti sia in fase di realizzazione che di smaltimento.

Print Friendly, PDF & Email