Strategia mobilità sostenibile, considerazioni su proposta della Commissione e proposta relatore

Benvenuto alla iniziativa della Commissione e alla proposta del relatore per un trasporto più sostenibile ed efficiente per i cittadini. La proposta verrà trattata con ENVI secondo art. 54 e divisione di competenze.

Bene ricordare gli impegni di Parigi che devono però tramutarsi in fatti nelle diverse modalità di trasporto. Una migliore logistica e lo sviluppo della digitalizzazione possono ridurre le distanze, rendere più veloci i collegamenti e ridurre i costi dei cittadini con un minore impatto sull’ambiente.

CONSIDERAZIONI GENERICHE BASATE ANCHE SU EMENDAMENTI DA NOI PRESENTATI IN ENVI:

• Il trasporto ancora si basa su combustibili convenzionali per oltre il 96% delle sue necessità energetiche. Ciò causa il 23% delle emissioni totali di CO2.

• I sistemi di trasporto elettrici, sia privati che pubblici, possono assicurare un valido contributo per la riduzione delle emissioni.

• Occorre porre termine ai sussidi alle fonti fossili e la Commissione europea dovrebbe proporre un phase out dei sussidi diretti e indiretti ai carburanti fossili entro il 2020
• Non dimentichiamo che la Commissione ha avviato procedure di infrazione contro 16 Stati Membri (tra cui anche l’Italia) per aver ecceduto i livelli di emissioni in atmosfera (NO2 e PM10).

• Necessità di creare e migliorare l’infrastruttura per il rifornimento elettrico arrivando almeno a raddoppiare il suo uso per il 2030.

• Sviluppare il trasporto locale sostenibile e i sistemi intermodali.

• Investire molto nella promozione del trasporto pubblico, anche attraverso la gratuità dei servizi e la promozione di mezzi di trasporto pubblici a zero emissioni.

Print Friendly, PDF & Email