Il CO.T.IR. di Vasto (Chieti) sotto i riflettori della Commissione europea

La problematica legata al destino del CO.T.IR e dei suoi dipendenti ha origine principalmente nel mancato riconoscimento, da parte di Stato e Regione, dello status di organismo di diritto pubblico, che comporterebbe il riassorbimento di una parte dei dipendenti del Consorzio che sono, tra l’altro, vincitori di concorso pubblico.

Le loro preziose attività di ricerca sono andate avanti nonostante non vedano l’ombra di uno stipendio da ben 27 mesi, con tutto ciò che logicamente ne può conseguire per le loro famiglie. Questi lavoratori sono vittime di una disastrosa gestione di cui sia il centrosinistra che il centrodestra sono responsabili. Ci chiediamo infatti che fine abbiano fatto i 600.000 euro promessi nell’ultima campagna elettorale da Mauro Febbo? Una cifra poi scesa a 300.000 euro, ovviamente inadeguata a tamponare la situazione drammatica del Consorzio.

La situazione infatti è gravissima, e si trascina da troppo tempo. È un sostegno alla battaglia del riconoscimento dello status di Organismo di diritto pubblico può venire dall’Unione europea: l’Europarlamentare vastese Daniela Aiuto ha infatti portato l’intera vicenda sotto i riflettori della Commissione europea, attraverso un’interrogazione con la quale, facendo le dovute premesse, si chiede a Bruxelles se ritiene che il CO.T.IR. risponda ai requisiti di “organismo di diritto pubblico” secondo quanto previsto dal Regolamento (UE) n. 549/2013 relativo al Sistema europeo dei conti nazionali e regionali nell’Unione europea.

Spero che si possa addivenire a una soluzione rapida, e auspico che le pressioni che potranno essere eventualmente esercitate dall’Europa possano spronare Stato e Regione ad agire rapidamente per una soluzione giusta e rispettosa della professionalità di tanti lavoratori“, ha dichiarato Daniela Aiuto, che prosegue: “questa vicenda mette ulteriormente in risalto l’incapacità gestionale della Regione Abruzzo che, a chiacchiere esalta la ricerca, mentre i fatti sono ben altri. La Regione ha messo in liquidazione la struttura nel 2014 con l’intento di far nascere un unico centro regionale insieme ad altri due istituti, ma nulla è accaduto, nonostante siano stati nominati ben quattro Commissari liquidatori che hanno solo contribuito ad indebitare il Consorzio, non mettendo in campo nessuna azione di contenimento di costi. Invito il Governatore D’Alfonso a mettersi nei panni di chi, nonostante lavori, non riceve il giusto compenso da mesi ed a contribuire alla soluzione di questa questione che si trascina ormai da troppo tempo. Sono certa che in tempi brevi la Commissione europea risponderà e vedremo se il diritto potrà essere esercitato anche in Abruzzo e per i lavoratori abruzzesi“.

Il CO.T.IR. di Vasto (Chieti) è una struttura totalmente Regionale, con 40 ettari di azienda agricola sperimentale, serre, laboratori di ricerca con strumentazioni all’avanguardia. Le attività del centro di ricerca spaziano dalla sperimentazione agronomica, alle bioenergie, alla caratterizzazione agroalimentare e alla gestione della matrice ambientale in termini di impatti derivanti dalla non corretta pratica agronomica e da un uso non sostenibile dei prodotti fitosanitari. I ricercatori e lavoratori del CO.T.IR., che sono, lo ripetiamo, vincitori di un concorso pubblico, versano da mesi in una situazione di precarietà e nonostante le numerose opportunità di progetti Europei, non hanno la possibilità di presentarli in quanto la struttura è in liquidazione e quindi ineleggibili.

Aggiornamento del 15/11/2017

Ho prontamente inoltrato alla Commissione europea la seguente interrogazione:

Il Consorzio per la divulgazione e la sperimentazione delle Tecniche IRrigue CO.T.IR. è (formalmente) una società consortile a responsabilità limitata, i cui soci sono esclusivamente enti pubblici, istituita con Legge regionale 31/1982 e senza fini di lucro. La Regione Abruzzo detiene il 62% del capitale sociale, in regime di controllo analogo .
L’attività prevalente del CO.T.IR. è la ricerca applicata e la sperimentazione realizzata tramite fondi pubblici (anche di competenza dell’UE), con valore medio del 93%. Lo statuto del CO.T.IR. e l’attività svolta sono simili a quelli dei principali enti pubblici di ricerca italiani (CNR, ENEA e CREA). Il CO.T.IR. svolge la propria attività di ricerca con carattere di quasi esclusività nei confronti della Regione Abruzzo, in misura di oltre l’80% (direttiva 23/2014/UE e direttiva 24/2014/UE). Il Consorzio svolge in maniera indipendente attività di ricerca fondamentale, ricerca industriale o di sviluppo sperimentale e garantisce un’ampia diffusione dei risultati mediante corsi di formazione, pubblicazioni e altri strumenti di condivisione aperta dei risultati delle ricerche.
Alla luce di quanto precede, può la Commissione far sapere se ritiene che il CO.T.IR. risponda ai requisiti di “organismo di diritto pubblico” secondo quanto previsto dal regolamento (UE) n. 549/2013 relativo al Sistema europeo dei conti nazionali e regionali nell’Unione europea?

In risposta al quesito sollevato, la Commissione ha risposto che Eurostat sottolinea i seguenti punti:

• il Sistema europeo dei conti è il riferimento per le statistiche economiche dell’Unione europea (UE) e dei suoi Stati membri ed è istituito dal regolamento (UE) n. 549/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio (SEC 2010) .
• Il SEC 2010 definisce il controllo pubblico al paragrafo 20.18 come la capacità di determinare la politica generale o i programmi di un’entità. Al fine di stabilire l’esistenza di un controllo da parte delle amministrazioni pubbliche, si applicano i criteri utilizzati per le società che potrebbero essere società pubbliche, come indicato nel paragrafo 2.32. Il SEC 2010 non usa l’espressione “organismo di diritto pubblico”.
• Il riesame della classificazione settoriale delle entità e la relativa individuazione del controllo da parte della pubblica amministrazione sono elementi fondamentali per la definizione dei limiti delle amministrazioni pubbliche e del settore pubblico, che sono essenziali per la compilazione di statistiche di finanza pubblica.
• La prassi abituale prevede di riesaminare la classificazione delle entità almeno una volta l’anno. Gli istituti nazionali di statistica (ISTAT nel caso dell’Italia) hanno una responsabilità primaria nella classificazione settoriale delle unità e nel fornire a Eurostat un registro completo delle unità.
• L’elenco delle unità delle amministrazioni pubbliche classificate come appartenenti alle amministrazioni pubbliche è pubblicato da ISTAT a livello nazionale . L’elenco delle unità controllate da amministrazioni pubbliche classificate come non appartenenti alle amministrazioni pubbliche è trasmesso a Eurostat su base annuale. Al fine di rispettare il principio del segreto statistico, Eurostat non rilascia dati statistici relativi a singole unità. Tale informazione deve essere richiesta a livello nazionale.

Print Friendly, PDF & Email